News

28.10.2019

PROVINCIA DI TREVISO: FINO AL 70% DI CONTRIBUTO SULLA SPESA SOSTENUTA E CUMULABILE CON LE DETRAZIONI FISCALI.

Per migliorare la qualità dell'aria, la Provincia di Treviso promuove la riduzione del consumo di energia e l'emissione di gas derivanti da impianti di riscaldamento, tramite dei contributi per la sostituzione di impianti termici civili ad elevata efficienza energetica.

Ci sono tre interventi ammessi a contributo:
- MISURA A: sostituzione di impianti termici a gas installati da almeno 10 anni con generatori a gas o GPL di nuova fabbricazione, di potenza termica fino a 70 kW compresi, con classe di etichettatura energetica pari almeno ad "A" (ai sensi del Regolamento Delegato UE n. 811/2013).
- MISURA B: sostituzione di vecchi generatori domestici a biomassa (stufe, termostufe, inserti a legna, pellet) con apparecchi a biomassa (legna, pellet).I nuovi generatori devono essere di nuova fabbricazione di potenza termica tra i 5 kW e i 35 kW, a basse emissioni ed alta efficienza con classificazione almeno 4 stelle ai sensi del D.M. n. 186/2017
- MISURA C: sostituzione di impianti termici a combustibile liquido con generatori a gas o GPL di nuova fabbricazione di qualsiasi potenza.

Non sono ammessi interventi di trasformazione di impianti da centralizzati ad autonomi.
Il contributo non è cumulabile con altri contributi pubblici di enti locali, ma con le detrazioni fiscali o il conto termico che possono essere richiesti solo per la parte di spesa eccedente l'incentivo concesso.

La domanda dovrà essere inviata a decorrere dalle ore 8.30 del giorno successivo alla pubblicazione del presente bando fino alla data del 31.12.2019 e pervenire con una delle seguenti modalità:
a) a mezzo di raccomandata con avviso di ricevimento AR all'indirizzo:
Provincia di Treviso
Via Cal di Breda, 116
31100 Treviso
b) a mezzo PEC esclusivamente al seguente indirizzo:protocollo.provincia.treviso@pecveneto.it;
c) consegna a mano al protocollo generale della Provincia di Treviso - Via Cal di Breda, 116 - 31100 Treviso, edificio 6 piano terra con il seguente orario: dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13.30 (in duplice copia per la ricevuta).

Gli interventi ammessi a contributo dovranno essere completati entro un anno dalla data di pubblicazione degli elenchi a pena di decadenza dal contributo.
 

24.06.2019

REGIONE VENETO: contributi a fondo perduto a chi installa un sistema di accumulo.

2 milioni di euro per quei cittadini che investono in energia pulita. Il bando prevede un contributo a fondo perduto, con un importo massimo concedibile pari a 3.000 euro e variabile fino al 50% delle spese sostenute per l’acquisto e l’installazione di un sistema di accumulo a servizio di un impianto fotovoltaico di utenza domestica.

Il contributo è concesso mediante una procedura a sportello per via telematica (SIU), che prevede un accreditamento online, che sarà possibile dalle ore 9 del 24 giugno alle ore 15 del 25 luglio e la successiva presentazione della domanda, aperta sempre online dalle ore 9 dell’8 luglio alle ore 15 del 31 luglio.

L’intervento dovrà essere realizzato nel 2019 e le spese dovranno essere sostenute a decorrere dal 1 gennaio 2019; gli interventi dovranno, inoltre, essere realizzati e rendicontati entro il 13 dicembre 2019.

ED E' COMPATIBILE CON ALTRI INCENTIVI QUALI LE DETRAZIONI FISCALI DEL 50% SULLE RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE

05.06.2019

 

ANTIMAFIA: a rischio sospensione incentivi Gse a chi è inadempiente.

Il Gse informa tutti i produttori che ricevono incentivi per un importo superiore a euro 150.000 calcolato per l'intera durata dell' incentivo, che non hanno provveduto all'invio della documentazione antimafia, che sospenderà l'erogazione degli incentivi.

Sarà possibile riattivare ogni forma di convenzione solo successivamente l'invio della documentazione richiesta.

Se non hai ancora provveduto, contattaci, anche solo per un preventivo.

 

14.05.2019

SSP: il Gse aggiorna le regole tecniche per il calcolo del contributo in conto scambio.

 

A seguito della positiva verifica dell'ARERA, sono on line le nuove Regole Tecniche che definiscono i criteri di calcolo del contributo in conto scambio (Cs) a partire dal 2019. 

In particolar modo viene segnalato che:

  • il Cs di acconto relativo al I semestre sarà nullo per tutti i contratti per i quali si siano registrati, nel biennio precedente, Cs di conguaglio nulli, ovvero misure mancanti o a somma zero;

  • i parametri per il calcolo dello stesso contributo Cs in acconto sono stati aggiornati, con riguardo alle ore di funzionamento ipotizzate per gli impianti fotovoltaici e al Cs medio;

  • è prevista una semplificazione del calcolo del Cs di conguaglio per gli impianti di produzione aventi differente tipologia impiantistica connessi su un medesimo punto di scambio (cd. multi-istanza), laddove l'utente dello scambio non comunichi al GSE la quota di produzione di ciascun impianto.

 

Il valore del Cs medio utilizzato per il calcolo del Cs di acconto del I semestre 2019 è pari a 0,13 €/kWh.

Infine si ricorda che, dovendo calcolare il Cs di acconto del I semestre 2019 sulla base delle nuove Regole Tecniche, il GSE terminerà le pubblicazioni di detto contributo entro il prossimo 19 maggio, fermo restando la data di pagamento prevista per il 15° giorno lavorativo del successivo mese di giugno.

 

  • Facebook Icona sociale
  • Twitter Icon sociale
  • Pinterest Icon sociale
  • LinkedIn Icona sociale

© 2018 by  Tecno.el S.r.l.                                                                                              TECNO.EL S.r.l.
                                                                                      Via Giorgione, 1 -  31056 Roncade (TV)   TEL. 0422/841038  FAX 0422/841652

                                                                                          Codice Fiscale e  Partita Iva  04049570262  -  Email : info@tecnoelsrl.biz